Festival rustico sulle tracce di un’eredità friulana

Progetto culturale in memoria di don Gilberto Pressacco

PRIMA EDIZIONE – AGHIS

L’idea. La bocca (OS: voce, parola, cibo), le tradizioni (MOS: il costume, la memoria e il cuore di una terra), il timore (BOrBOROS: la paura, gli inferi, come incapacità di muoversi e allo stesso tempo come apertura alla speranza che viene dall’annuncio della resurrezione) sono le parole chiave di un percorso pluriennale ispirato alle ricerche di don Gilberto Pressacco.

Intende promuovere una riflessione sui temi che incrociano il futuro del territorio del Friuli delle Risorgive, incistato tra lagune sonnolente e magre terre di “riordino”, avvolto dalla limpidezza delle acque e segnato dal greto assolato del rapace Tagliamento.

Qui è terra di poeti, di rustici visionari e di storie antiche come il mondo. Di buon cibo e buon
bere. Terra nascosta allo sguardo eppure avida di carezze. Languida e solenne, sacra e impudìca.

Gli eventi. Un appuntamento annuale, in coincidenza con il solstizio d’estate, nel pieno del rigoglio della natura. Quattro serate tra cultura, natura, musica e gastronomia alla scoperta delle Risorgive del Medio Friuli.

Prossime edizioni
2023: TIERE
2024: CLAPS
2025: MISTERI

Don Gilberto Pressacco fotografato da Danilo De Marco